28
Dic

Meglio il LAMINATO o il LACCATO in cucina?

Molto spesso i miei clienti mi fanno questa domanda:

“ma in cucina, è meglio il laminato o il laccato?”

Con questo articolo voglio aiutarti  a rispondere proprio a questa domanda.
Vedremo quindi le differenze tra i due materiali e capiremo pregi ed eventuali difetti.

Prima di vedere nello specifico le caratteristiche, facciamo alcune considerazioni:

  1. Lo scopo della domanda è quello di ottenere le corrette informazioni per poter fare la scelta migliore per te.
  2. Nessuno vuole commettere l’errore di acquistare una nuova cucina che non rispecchi le importanti caratteristiche che la rendono per esempio resistente e facile da pulire.
  3. Importante è investire il tuo denaro in un prodotto che sia duraturo, pratico e funzionale, che non ti dia  problemi, sia sicuro e testato.

Con le informazioni che ti darò qui di seguito, potrai decidere qual’è il materiale che soddisfa a pieno le tue esigenze.

Immagino che gli aspetti più importanti e le caratteristiche fondamentali che deve avere la tua cucina siano la robustezza, la praticità, la facile manutenzione, la durata nel tempo, la facilità nella pulizia …alla fine di questo articolo avrai sicuramente le idee più chiare al riguardo.

Conosciamo ora meglio questi materiali:

Che cos’è il LAMINATO: è un rivestimento composto da fogli impregnati da resine fenoliche che viene applicato su un supporto di pannelli lignei come truciolare o MDF (medium-density fibreboard). Gli spessori del laminato, inteso come rivestimento del pannello, variano da 0,6 a 1,2 mm.
Un laminato molto diffuso in commercio è chiamato HPL (high pressure laminate) si ottiene incollando i fogli di laminato tra loro tramite una forte pressione combinata al calore, per ottenere così un corpo compatto e omogeneo.

anta laminato

Caratteristiche:
· igienico
· impermeabile
· resistente (al calore, vapore, acqua)
· non cambia colore
· stabile

Finiture:
· opaca
· lucida
· liscio
· goffrata (ruvido)
· effetto legno

I pannelli di laminato vengono usati molto in arredamento per realizzare ante dei mobili, porte interne, piani di lavoro cucina, pavimenti. Grazie alla sua resistenza all’usura, all’impermeabilità, alla varietà di finiture (dalla tinta unita al effetto legno) trova oggi ampio utilizzo nella realizzazione di mobili.
Molto importante nella bordatura perimetrale, per esempio delle ante, utilizzo di bordi in laminato incollati con collanti poliuretanici che sono a loro volta molto resistenti ad acqua, umidità, calore e vapore.

Pulizia:
Per pulire i pannelli di laminato, bisogna usare un panno morbido inumidito con sapone neutro per lo sporco di tutti i giorni. Per lo sporco più ostinato è possibile utilizzare detergenti specifici (non abrasivi o acidi), aceto per le macchie di calcare e delle spugnette morbide.
Da EVITARE l’uso di pagliette in acciaio, i prodotti contenenti creme abrasive, detersivi in polvere e l’acetone.

Nella famiglia dei laminati si tende a inserire spesso anche i melaminici e i nobilitati, vedremo in un prossimo articolo le caratteristiche di questi prodotti.

Che cos’è il LACCATO: per “laccato” si intende verniciato.
La verniciatura può avere diverse finiture. La laccatura con vernici poliuretaniche o all’acqua è realizzata in genere su supporti in fibre di legno, MDF, alle quali prima viene applicato un “fondo” o PRIMER per permettere l’aggrappaggio della laccatura finale.
Il laccato può avere moltissimi colori, ma non ha una versione effetto legno perché è sempre coprente. Solo la finitura a poro aperto può lasciar intravedere il “poro” del legno.

Caratteristiche:
· impermeabile
· cambia colore alla luce solare
· omogeneo (senza giunzioni)
· uniforme

Finiture:
· opaca
· lucida
· semilucida
· effetto seta
· goffrata (ruvido)
· metallizzata
· anticata

Pulizia:
usare un panno morbido inumidito con acqua e del sapone neutro.
NON usare MAI detergenti abrasivi, trielina, acetone, sgrassatori aggressivi, acidi, alcool e pagliette in acciaio, spugnette ruvide o abrasive.

Cura e Manutenzione:
presta attenzione alla manutenzione e tieni conto che l’esposizione ai raggi diretti del sole può cambiare un po’ le tonalità del laccato.
Nel caso in cui il laccato si dovesse scheggiare, effettua subito il ritocco con la boccetta di vernice fornita con l’acquisto del mobile. Per evitare ingiallimenti del colore si sconsiglia di evitare l’esposizione al fumo di sigaretta e alla luce diretta del sole.

Conclusione:
la differenza tra i due materiali è nella lavorazione, il laminato è un rivestimento che si applica su un pannello, il laccato è una verniciatura che si da su un pannello.
Possiamo dire che il laccato è più delicato del laminato e può subire nel corso del tempo alcune variazioni cromatiche, ma anche che è più facile da riparare.
I migliori brand del settore, per scongiurare questo rischio, utilizzano però vernici con un’eccellente resistenza alla luce e realizzano laccature a più strati.

Il laminato è un materiale igienico, impermeabile, resistente, facile da pulire che offre molte finiture e colori, oltre che costare meno rispetto il laccato.

A volte, soprattutto ora che i laminati hanno raggiunto livelli qualitativi che anni fa erano impensabili, la differenza tra i due prodotti non è semplice da vedere.
Come ho detto prima, con il tempo le differenze estetiche e tecniche si sono assottigliate ma il costo del laminato rimane sempre competitivo.

Perché il laminato costa meno?
Perché la realizzazione del laminato è meno complessa e quindi meno costosa per l’azienda produttrice e di conseguenza, sul mercato ha un prezzo più contenuto.

Se sei un tipo pratico, che non vuole trascurare anche l’aspetto estetico, il laminato è decisamente il tuo materiale. Mentre, se sei una persona che ama distinguersi e acquistare cose di maggiore prestigio, il laccato fa per te.

Puoi affidarti alla mia esperienza per non avere pensieri o paura di sbagliare e troverai una guida nella scelta del materiale che meglio si addice alle tue esigenze e allo spazio che devi arredare.

Se sei interessato ad arredare casa o hai bisogno di consulenza per l’arredamento contattami al numero 347.74.18.118 oppure a questo indirizzo di posta elettronica: arredaresenzaerrori@gmail.com  oppure compila il modulo che trovi qui sotto:


Ho letto, compreso ed accettato la vostra Informativa sulla Privacy

Come sempre, prima di salutarti ti chiedo una piccola CORTESIA: fai CLICK su uno dei tasti di condivisione che trovi qui sotto così mi ripagherai dell’impegno che ho profuso per la realizzazione di questi contenuti. A te non costa nulla mentre per me è fonte di immensa gratificazione.
Buon arredamento a tutti.

Daniele Dossi

 

LINK ad ARTICOLI CORRELATI:

FENIX NTM, QUESTO SCONOSCIUTO

COME SCEGLIERE IL PIANO DI LAVORO DELLA CUCINA… SENZA ERRORI

ARREDARE la CUCINA Senza Errori

Vuoi cambiare la CUCINA? non conosci il DEKTON® ? …hai hai hai haiii !

Agglomerato di quarzo per il piano di lavoro della cucina

Share