19
Nov

Piano Cottura ad Induzione… conoscere per scegliere senza errori

neff-piano-a-induzione

Oggi voglio fare un po’ di chiarezza e fornire tutte le informazioni in merito al Piano Cottura ad Induzione, per fugare dubbi, chiarire inesattezze e sfatare luoghi comuni a riguardo di questo elettrodomestico.

Vedremo quindi nel dettaglio cos’è, come funziona e che vantaggi può fornire un piano cottura ad induzione.

Chi “adopera” davvero la cucina sa che, alla fine della preparazione dei piatti, spetta l’arduo e noioso compito di pulire. La cosa più fastidiosa è, sicuramente, la pulizia del piano cottura.
Si devono pulire griglie, bruciatori, spargi-fiamma, manopole, ugelli…

UNA VERA SECCATURA!!

Cosa c’è di più fastidioso di avere in casa, nella propria cucina un piano di cottura difficile da tenere pulito, lento nella cottura, poco funzionale, che consuma molta energia rispetto alle prestazioni offerte, con tempi di cottura lunghi e che non permette di fare determinati tipi di cottura ?

La soluzione a tutte questi inconvenienti è un Piano Cottura ad Induzione.

E’ costituito esternamente da una superficie piana in vetroceramica, di solito di colore nero (alcune aziende stanno proponendo altre colorazioni come per esempio il bianco). Sotto il vetroceramica ci sono gli induttori (bobine di rame).

Il passaggio di corrente elettrica all’interno delle bobine genera un campo elettromagnetico che andrà ad “eccitare” e quindi a scaldare il fondo della pentola/padella.

Le pentole adatte a questo tipo di piano cottura, hanno all’interno del fondo del materiale ferroso.
Il ferro è l’unico materiale che viene quindi scaldato dal azione del campo elettromagnetico grazie al principio fisico della “risonanza”. Quindi l’unica cosa che viene scaldata è il fondo della pentola, mentre il piano in vetroceramica rimane “freddo”.
In questo modo serve pochissima energia per scaldare la pentola in quanto abbiamo una bassissima dispersione di calore e un’uniforme distribuzione della cottura con risultati di cottura migliori rispetto ad altri sistemi tradizionali.

VANTAGGI del INDUZIONE:

1) Non ci si scotta toccando il piano in quanto l’unica parte che si scalda è il fondo delle pentole.
2) La superficie “fredda” e liscia del piano favorisce la pulizia.
3) Riduzione dei tempi di cottura grazie all’efficienza del campo elettromagnetico
4) Viene sviluppato calore uniforme all’interno della pentola favorendo così una cottura omogenea su tutta la superficie della pentola usata.
5) Viene sfruttata al massimo la potenza dell’energia con un elevato rendimento, riducendo il costo in bolletta. Il rendimento è il segreto di questo tipo di piani cottura.
6) E’ MOLTO SICURO, niente più paura di avere gas e fiamme in casa (inltre, togliendo la pentola dal piano, questo si spegne automaticamente)
7) Flessibile nel uso dello spazio di cottura con le zone Flex-Induction.
8) Controllo della potenza con il POWERMANAGEMENT (limitatore di potenza assorbita)
9) Gestione semplice e intuitiva dei comandi

Alcuni dati di prestazioni del piano ad induzione:
2 lt d’acqua con induzione elettrica bolle in meno di 4 minuti
2 lt d’acqua con piano cottura a gas bolle di 13 minuti

SFATIAMO alcuni LUOGHI COMUNI:

“Mi hanno detto che il contattore da 3kW non è sufficiente”
…per preparare un pasto completo con 4 zone di cottura accese
contemporaneamente vengono impegnati circa 2,4 kW dei 3,3 disponibili.
Con i kW restanti, posso gestire il funzionamento delle altre apparecchiature elettriche della casa: frigo, tv, computer…

“Mi hanno detto che il campo magnetico prodotto è pericoloso per la salute”
Quotidianamente siamo esposti a campi elettromagnetici (reti elettriche, cellulari, phon…) perfino il pianeta Terra genera un campo elettromagnetico pari a circa 50uT.
Dai dati che ci fornisce l’azienda NEFF, i loro piani generano un campo elettromagnetico di 0,5uT (molto meno di un smartphone) per questo possiamo ragionevolmente sostenere che questi piani cottura non sono dannosi alla salute.

“Mi hanno detto che servono pentole speciali”
Dato che questo tipo di piano cottura è da anni il più venduto in Europa, molte aziende produttrici di pentole ormai producono pentole adatte alla cottura ad induzione, percio è facile che in casa senza saperlo hai già pentole adatte (prova appoggiando un magnete sul fondo della pentola per verificare la presenza di ferro nel fondo, se il magnete si attacca le pentole vanno bene).

Alcune aziende produttrici di piani ad induzione stanno proponendo piani con zone FLEX, cioè con zone di cottura uniche a forma rettangolare, flessibili senza limiti che permettono di usare tutta la superficie delimitata. Qui sopra si possono posizionare liberamente i tegami senza vincolo.

In commercio si trova una vasta gamma di misure, livelli di potenza assorbita e prezzi che permette, all’utente, di poter scegliere il piano giusto per se.

Se vuoi evitare qualsiasi problema, ti CONSIGLIO, per esperienza professionale e personale, i Piani Cottura ad Induzione della NEFF (ne ho venduti molti e ne ho uno a casa da diversi anni), un azienda seria e scrupolosa nella produzione ed assistenza dei suoi prodotti.

I Piani di Cottura ad Induzione sono un sistema di cottura innovativo dove vengono abbinate caratteristiche di tecnologia, prestazioni elevate, sicurezza, ottimizzazione della potenza impiegata, velocità, facilità d’uso e di pulizia.

Se hai ancora qualche dubbio, guarda questo video (dura solo 2 minuti !)

Se vuoi maggiori informazioni e restare sempre aggiornato sulle tematiche d’arredo, sulle nuove soluzioni e materiali per arredamento, visita la pagina Facebook : Daniele Dossi Interior Designer e lascia il tuo “mi piace”

Se invece vuoi acquistare il tuo Piano Cottura ad Induzione contattami al numero di cel. 3477418118 o scrivimi alla email arredaresenzaerrori@gmail.com o scrivi negli spazi che trovi qui sotto:


Ho letto, compreso ed accettato la vostra Informativa sulla Privacy

 

Buon ARREDAMENTO a tutti.

Daniele Dossi interior designer

Share